Cause di infertilità femminile

Formulare una diagnosi iniziale corretta è fondamentale per la scelta del trattamento per l'infertilità. Alla clinica GENNET la coppia viene prima sottoposta a vari esami, il cui obiettivo è di determinare il loro stato di salute, soprattutto in relazione alla fertilità.

Prima di iniziare il trattamento per l'infertilità la donna può sottoporsi ai seguenti test.

Formulazione dell‘anamnesi

La visita si svolge in forma di colloquio durante il quale il medico chiede alla paziente lo stato di salute attuale e altri fattori che possono influenzare la fertilità. Il medico porrà domande su:

  • ciclo mestruale
  • gravidanze precedenti
  • infiammazioni degli organi genitali femminili
  • operazioni subite
  • frequenza dei rapporti sessuali
  • farmaci e integratori alimentari assunti

Visita ginecologica

La visita informa sullo stato di salute generale e degli organi riproduttivi femminili.

Test di base di laboratorio

  • esami del sangue, tra cui:
    • profilo ormonale (FSH, LH, estrogeni, progesterone, prolattina, testosterone, SHBG)
    • funzionamento della tiroide (TSH, fT4, fT3, anti TPO, anti TG)
    • esami per le malattie sessualmente trasmissibili (epatite B e C, sifilide, HIV)
  • esami delle urine per:
    • chlamidia trachomatis

Esame ecografico

L‘esame visualizza gli organi genitali (utero, tube di Falloppio, ovaie). Prima dell‘inizio del trattamento il medico esaminerà:

  • la forma della cavità uterina e delle ovaie
  • il funzionamento delle tube

Durante il trattamento il medico valuta:

  • la crescita follicolare
  • lo stato dell‘endometrio

Determinazione dell‘AMH (ormone antimulleriano)

L‘esame rileva la riserva ovarica della donna, cioè il numero di ovociti restanti. La riserva ovarica diminuisce con l‘aumento dell‘età, ma questa riduzione è variabile per ogni donna.

L‘esame della pervietà tubarica (isterosalpingografia – HSG)

Esame non invasivo che, utilizzando un mezzo di contrasto ecografico, rileva lo stato e la pervietà delle tube. Il mezzo di contrasto viene iniettato nella cavità uterina con un tubicino speciale e durante l‘esame si osserva il suo movimento e le eventuali restrizioni.

Isteroscopia

Durante la visita, il medico valuta la forma della cavità uterina, della tube di Falloppio e dell’endometrio e può essere prelevato un campione di mucosa per un esame istologico.

L´intervento viene eseguito per via vaginale usando strumenti ottici sottili.

Durante l´intervento possono essere effettuati piccoli interventi chirurgici, ad esempio:

  • rimuovere polipi
  • rimuovere aderenze
  • togliere fibromi
  • trattare la divisione dell’utero nel caso di una parete divisoria nella cavità uterina
  • localizzare e rimuovere corpi estranei (ad es. IUD)

Alla clinica GENNET offriamo questo esame anche come intervento ambulatoriale, senza anestesia generale, eventualmente in anestesia leggera senza necessità di ricovero.

Laparoscopia

Durante l´intervento il medico esamina lo stato della cavità addominale e verifica la pervietà delle tube. La laparoscopia consente anche il trattamento:

  • di aderenze
  • di cisti ovariche
  • di endometriosi
  • esame della pervietà ovarica

L´intervento viene eseguito in anestesia generale leggera senza la necessità di ricovero.

Il medico può raccomandare alla paziente altri metodi diagnostici, ad esempio: